• Orientamento
La Pagina dell'orientamento in entrata
Ci presentiamo:
  • Funzione strumentale per l'A.S. 2017-2018: prof.ssa Maria Grazia Giannini

Presentazione del liceo Aristotele

clicca qui

Iscrizioni online (link disponibile a breve)


Scuola in chiaro: vai al sito
  • Scrivi alla referente - Funzione Strumentale orientamento in ingresso


OPEN DAY

DATE OPENDAY LICEO SCIENTIFICO ARISTOTELE 2017/2018


SABATO 2 DICEMBRE ore 10:00-13:00 SUCCURSALE Via Comisso,25
MERCOLEDI ‘ 6 DICEMBRE ore 15-17 CENTRALE Via dei Sommozzatori,50
DOMENICA 17 DICEMBRE ore 11-13:00 CENTRALE Via dei Sommozzatori,50
SABATO 13 GENNAIO ore 10:00-13:00 SUCCURSALE Via Comisso,25
SABATO 20 GENNAIO ore 10:00-13:00 SUCCURSALE Via Comisso,25


Sportello aperto giovedì 18 gennaio e giovedì 25 gennaio dalle 16 alle 18 in sede centrale.

Presentazione



PRESENTAZIONE ISTITUTO

Il Liceo Scientifico Aristotele offre tre indirizzi di studio: 1. L’indirizzo tradizionale
2. L’indirizzo 2.0
3. L’indirizzo Cambridge IGCSE

Il progetto educativo prescelto e condiviso da tutte le professionalità coinvolte persegue i seguenti obiettivi:
1. il successo formativo dei singoli allievi;
2. la crescita personale oltre che didattica dei ragazzi in adulti consapevoli, rispettosi delle regole e pronti alla pratica di relazioni civili;
3. l’inserimento nella società e nel mondo del lavoro;
4. l’acquisizione da parte dei giovani di competenze e capacità tali da garantire livelli di autonomia adeguati agli standard europei;
5. l’acquisizione degli strumenti interpretativi necessari alla comprensione del mondo e delle sue dinamiche storiche, economiche, culturali;
6. l’acquisizione di una libera visione della realtà e dei mezzi linguistici per esprimerla con coerenza, nel rispetto delle opinioni differenti;
7. Il consolidamento del senso di appartenenza a una comunità (la propria scuola, il proprio territorio, la propria tradizione culturale) che conduce comunque un’esperienza di accoglienza e apertura verso l’altro (altre scuole, altre aree territoriali, altre forme di cultura), di confronto e reciproco arricchimento.

Adotta i seguenti criteri metodologici

1. aggiornamento sistematico degli strumenti didattici per intercettare ogni innovazione culturale e sincronizzare l’offerta formativa alle nuove esigenze linguistiche e tecnologiche;
2. monitoraggio sistematico della qualità del servizio (PDM, RAV) per predisporre correzioni immediate alle eventuali criticità (con i mezzi più efficaci, dai corsi di aggiornamento per docenti, ad investimenti per materiale didattico…);
3. cura delle relazioni con Enti locali, Università, società civile (associazioni di volontariato, associazioni culturali, agenzie accreditate per l’alternanza scuola-lavoro);

4. ottimizzazione dei canali di comunicazione con le famiglie:

a. registro elettronico;
b. incontri individuali tra il coordinatore e i genitori;
c. incentivazione delle attività spettanti agli organi collegiali;

5. incentivazione delle attività mirate a supportare gli allievi nello studio:

a. corsi di recupero: nel mese di novembre per le classi di biennio;
nel mese di febbraio per sanare le insufficienze del primo quadrimestre;
nel mese di luglio per le sospensioni del giudizio;
b. attività pomeridiane:
di studio assistito, guidato da docenti;
di studio individuale, affiancato da studenti del triennio;


6. incentivazione delle attività motivazionali di supporto all’eccellenza

a. attività di potenziamento volte a permettere l’approfondimento o la scoperta di discipline (contemplate o meno dal piano di studi liceale) utili al perfezionamento dell’orizzonte culturale di ciascuno e all’intrapresa di un percorso di eccellenza: corsi di Economia, Diritto, Arti applicate;


7. investimenti per l’inclusione

a. cura dei bisogni educativi speciali (BES) e dei disturbi specifici dell’apprendimento (DSA). Una commissione ad hoc, nominata dal Collegio dei docenti si occupa del coordinamento di tutte le attività da porre in essere per garantire il pieno successo dell’inclusione;
b. attivazione di un corso di lingua italiana per studenti stranieri;
c. progetto “Istruzione domiciliare”;


8. promozione di progetti per l’accoglienza :

a. ”Progetto verticalizzazione del curricolo” in collaborazione con le scuole medie del territorio (Montanelli, Purificato, Matteo Ricci, Formato, Buzzati, De Finetti) per favorire un passaggio graduale dalla secondaria di primo grado al liceo;
b. Seminari aperti agli allievi di terza media non solo propedeutici alle discipline di studio, ma soprattutto occasione di incontro con i docenti e di familiarizzazione con le strutture della scuola;


9. valorizzazione delle competenze linguistiche e tecnologiche:

a. Progetto CIE Cambridge IGCSE che prevede l’apprendimento in modalità bilingue (italiano-inglese) delle seguenti discipline: matematica, inglese, geografia, art and design, e il conseguimento di certificazioni Cambridge;
b. Progetto classe 2.0 che prevede un uso più massiccio (in alcune discipline) degli strumenti informatici (tablet, laboratorio multimediale, libri digitali) che saranno affiancati a quelli tradizionali (libro cartaceo);
c. stage linguistici all’estero, scambi culturali con scolaresche olandesi, spagnole, stage a Dublino e a Malta;


10. sensibilizzazione alle tematiche di ordine civile, sociale, economico

a. attività di volontariato in collaborazione con enti pubblici, accreditati Caritas, Avis, Agesci…;
b. attività scolastiche legate all’accoglienza, alla cura degli ambienti dell’Istituto;
c. seminari sulla legalità, sulle dipendenze, sull’educazione alla salute e ai comportamenti stradali;
d. attività di alternanza scuola lavoro.

Consapevole che ogni progetto pedagogico si fonda sul rispetto della tradizione, sulle esperienze consolidate, sulla professionalità dei suoi attori, e in primo luogo sul rispetto delle regole condivise, il Liceo Aristotele investe le risorse umane in una missione educativa che la complessità del nostro tempo rende ancor più carica di sfide. Pertanto confida nella condivisione leale di un patto educativo tra i docenti e i genitori in una scommessa educativa che richiede l’esercizio dell’autorevolezza e presuppone una reciproca fiducia tra maestri e allievi, genitori e figli.